Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Conferenza stampa progetto KAIROS/LIMITROFI

Data:

21/09/2022


Conferenza stampa progetto KAIROS/LIMITROFI

L’associazione Culturale Leucò presenta, con il sostegno della Fondazione Michalis Cacoyannis, da un’idea di Jean Blanchaert, Stefania Pennacchio e Vassilis Vassiliades, l’evento internazionale ed itinerante “Kairos/Limitrofi – Solo lo spazio ricorda Confronto tra Greci d’Oriente e Greci d’Occidente” in tre tappe fondamentali, la prima delle quali si è già svolta a Siracusa. La seconda parte dell'evento avrà luogo ad Atene dal 13 al 30 ottobre, per concludersi infine a Cipro nel maggio del 2023. Il fine della mostra è quello di promuovere le affinità culturali da sempre vive all'interno del bacino Mediterraneo. Il ciclo inaugurale dell’evento è iniziato con una giornata dedicata agli studi sulla lingua, sul tempo e sullo spazio che si è svolta nella città di Siracusa presso Palazzo Vermexio, cui hanno relazionato e partecipato figure di spicco dell'ambito culturale italiano, greco e cipriota. Parallelamente è stata inaugurata presso l'Ex Convento del Ritiro di S. Francesco di Siracusa, la mostra bi-personale di scultura e pittura di Stefania Pennacchio e Vassilis Vassiliades. La seconda tappa avrà luogo ad Atene il 21 Settembre 2022 alle ore 18:00, presso l'Istituto Italiano di Cultura, dove verrà proiettato il video-documentario "A-Kairos" con la regia di Katrina Eglite. Seguirà la presentazione del catalogo relativo all'evento, edito da Leucò Art Gallery.


La mostra "Limitrofi: solo lo spazio ricorda - Confronto tra Greci d'Oriente e Greci d'Occidente", inaugurata il 13 Ottobre, sarà fruibile al pubblico fino al 30 ottobre 2022, presso la Fondazione Cacoyannis.


La conferenza stampa si svolgerà come di seguito:

Saluto del Dott. Francesco Neri, Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura ad Atene Saluto del Dott. Fabio Granata - Assessore alla Cultura del Comune di Siracusa; Proiezione del Video Documentario "A-Kairos" con la regia di Katrina Eglite; Intervento di Jean Blanchaert, curatore della mostra e gallerista internazionale; Xenia Kaldara/Theodoros Angelopoulos, Fondazione Michalis Cacoyannis, Atene Mariangela Ielo, Docente Università Nazionale e Capodistriaca di Atene, Vice Presidente Associazione “Dante Alighieri“ Comitato di Atene Stefania Pennacchio/Vassilis Vassiliades, Artisti della mostra ed ideatori dell'evento.


Concettualità dell’evento

Il progetto prende il via dalla parola "Limitrofi" che è un composto della parola latina limes cioè confine e della parola greca τρέφω (tréfo) che significa nutrire. Il confine rappresenta così quel margine che ci nutre e ci protegge, permettendoci di plasmare la materia e il colore per raccontarne la storia. La gestione degli spazi espositivi è stata inoltre pensata dagli artisti e dal curatore in maniera tale da accentuare il dualismo tra la componente “temporale” rappresentata dalle opere materiche e verticali di Stefania Pennacchio, e quella “spaziale e lineare” delle tavole di cui Vassilis Vassiliades si fa portavoce anche attraverso l’intensità del colore. Il racconto del tempo disegna così quasi uno spartito musicale, all'interno del quale si intrecciano le identità culturali, antropologiche e genetiche, da sempre presenti nel solco della tradizione ma che guardano anche al futuro, che rappresentano i limiti dello spazio e del tempo.

Cenni Biografici degli Artisti

Vassilis Vassiliades è nato a Nicosia. Ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia. La personale ricerca artistica di Vassiliades scaturisce dalla ricerca di un nuovo senso di equilibrio presente in un ambiente geometricamente strutturato. L’elemento del tempo viene inteso così dall’artista cipriota come una memoria che continua però a vivere attraverso il movimento. Per Vassiliades, lo spazio è l’ingrediente principale della nostra esistenza: esso si stempera così in un tipo di creazione “quantistica” che ha la capacità di apparire simultaneamente in tempi paralleli diversi, continuando a funzionare in modo altrettanto efficace.

Stefania Pennacchio è un’artista dedita all’indagine e alla sperimentazione della scultura ceramica. Le sue origini calabresi e la cultura ionica sono ben presenti nell’uso delle tecniche di lavorazione di questi materiali. L’artista mescola e fa dialogare le millenarie conoscenze artigianali del Mediterraneo con quella dell’altrettanto lontana e affascinante tecnica giapponese del Raku. I materiali prediletti sono la terra (la ceramica), semplice e vera, i metalli, forti ma anche duttili e le pietre che antiche e stratificate ci raccontano della storia e delle tradizioni che le hanno levigate.

Informazioni

Data: Mer 21 Set 2022

Orario: Alle 18:00

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di Atene

1159